I Trulli-Ostuni-Cisternino-Valle d’Itria-Puglia Trulli Holidays

La tua vacanza nei Trulli-Ostuni-Cisternino-Valle d’Itria


Scopri il Trullo in Contrada Cervillo

La struttura residenziale a trullo, tipico esempio di architettura spontanea contadina delle regioni delle Murge in Puglia, sorge nel cuore della valle d’Itria.

È costituito da un unico nucleo abitativo di 6 trulli ed una camera da letto con struttura non a trullo. Completamente accessoriato ed arredato con cura. È dotato di camino nell’area giorno centrale, di stufa a legna e riscaldamento autonomo.

La proprietà è circondata da ampie aree verdi esterne per un totale di circa 5000 mq; area giardino con spazio barbecue e area pineta a livello inferiore, cui si accede tramite suggestivo vialetto.

La struttura si trova in una posizione strategica sia rispetto alla Città Bianca che rispetto al vero e proprio cuore pulsante della valle D’Itria costituito dalla città di Martina Franca (nota per la sua architettura barocca ed il suo Festival Internazionale della Valle D’itria), il borgo di Cisternino (ricompreso da tempo tra i borghi più belli d’Italia) e la vera e propria Capitale dei Trulli, Alberobello.




Trulli-Ostuni-Cisternino-Valle d'Itria

Scopri il Trullo in Contrada Acquarella

Questo trullo per due persone si trova nella campagna ostunese a circa due chilometri dal centro storico di Ostuni, la città bianca.

Il complesso è costituito da un trullo saraceno con annessa piccola casa con cucina, camera da letto e bagno. Sul retro della casa c’è una zona coperta attrezzata con forno a legna per il pranzo all’aperto.

Il trullo si trova a soli 2 chilometri dal centro storico di Ostuni e a meno di 15 minuti dai borghi simbolo della Valle D’Itria.

L’offerta turistica offre oasi di pace e tranquillità in anfratti e piccole insenature selvaggie immerse nella macchia mediterranea e spiagge attrezzatissime fino a quelle più glamour e conosciute.

Potrete tuffarvi nel mare cristallino Ostuni, Villanova, Costa Merlata, pluripremiato negli anni con le cinque vele di Legambiente